Alla scoperta di Framura

2
Framura è una vera chicca sconosciuta ai più, ora facilmente raggiungibile attraverso la vecchia via ferroviaria, trasformata in pista ciclabile e pedonabile. 5 km sul mare  la collegano a Levanto e Bonassola.

Utilizzate le biciclette  dell’hotel, e percorrete tutta la via ciclabile.

Arrivati a Framura, lasciate le bici sul lungomare, dopo averle assicurate con il lucchetto in dotazione, scendete con le scale o l’ascensore fino al porticciolo e da lì dirigetevi alla stazione ferroviaria.
Dal piazzale antistante partono gli autobus che vi porteranno nella parte più alta del paese.
I mezzi hanno cadenza oraria, ma possono cambiare durante i fine settimana, informatevi sempre alla reception  prima di partire.
In 10 minuti circa arriverete a  “Costa“, punto di fermata del bus e di partenza del nostro girovagare.
Da qui imboccate il viottolo in discesa, molto panoramico che vi riporta al mare, attraversando tutte le frazioni che compongono il borgo. Ma prima concedetevi un po’ di pausa per scoprire la chiesa di San Martino, conserva uno dei più bei dipinti di Bernardo Strozzi “ La Madonna del Rosario con i SS. Domenico e Carlo Borromeo. Le case ora si snocciolano a poco a poco lungo il crinale, incontrerete “Setta“, sede del Comune e della piazzetta, “salottino buono” del paese, dove sarà d’uopo concedersi un caffè o un gelato. Poi ci sarà Ravecca ed infine Anzo, la nostra preferita. Si erge ancora la Torre, edificata nel sec. XV a difesa dalle incursioni, poco distante la chiesa di N.S. della Neve con il suo delizioso sagrato.

La stazione ferroviaria è a due passi, inforcate nuovamente le biciclette e tornate a Levanto, oppure, se il tempo a disposizione e la stagione lo concedono, scendete per un bagno corroborante nella spiaggia di Porto Pidocchio, incontrerete l’indicazione alla vostra destra.